Firenze è la mia città italiana preferita, ho due care amiche che vivono lì, ci torno appena possibile, mi piace perdermi per i suoi vicoli, respirare arte e bellezza a pieni polmoni…quella città ha una magia tale da farmi sentire come a casa. E’ la città del mio cuore.

In una delle mie ultime volte in città, alloggiavo in zona San Marco e nel mio vagare mi sono ritrovata in Piazza Santissima Annunziata. Si trova a dieci minuti a piedi da Piazza Duomo, basta prendere Via dei Servi (quella seguente a quella che porta alle Gallerie dell’Aссademia) e proseguire dritto, finchè si arriva ad una piazza con un’enorme statua equestre al centro. Eccovi arrivati. Di fronte avrete la chiesa della Santissima Annunziata e alla destra ci sarà il lungo porticato di questo suggestivo Istituto.

Opera del Brunelleschi, questa Istituzione si è prodigata per l’infanzia degli Innocenti, i bambini abbandonati, fin dalla sua inaugurazione, nel 1400. Spesso le famiglie non potevano permettersi di sfamare altri figli e decidevano quindi di portarli qui, sapendo che ci sarebbe stato qualcuno ad occuparsi di loro e di poterli un giorno poter andare a riprendere. Per far sì che ciò potesse avvenire, spesso le madri lasciavano cuciti alle tutine dei piccoli oggetti ( ad es. monete, bottoni, fermagli), divisi a metà, nella speranza che un giorno le due parti sarebbero potute diventare una.

Spesso i bambini arrivavano con dei bigliettini, che riportavano il loro nome, quando erano nati, i motivi per cui era stato abbandonati, a volte le generalità dei genitori… qualunque informazione utile per far sì che un giorno si potessero ricongiungere.

Nel museo si possono scoprire storie commoventi sui milioni di bambini cresciuti fra queste mura, accuditi e curati in ogni fase della vita, dall’allattamento all’istruzione, fino all’età adulta e all’inserimento nel mondo del lavoro. La sua attività continua ancora oggi, con due asili nido al suo interno, comunitá per ragazze madri, ricerca per cercare di migliorare sempre le condizioni dei bambini. Non a caso, l’ UNICEF ha alcuni uffici proprio qui.

All’ultimo piano, vi è una terrazza da cui si gode una vista meravigliosa sui tetti di Firenze, e troverete anche un bar molto carino!

E’ stata un’esperienza molto toccante, ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, spesso uscire dai soliti percorsi turistici riserva delle bellissime sorprese!